The Amsterdam Shopping Guide – #2 Haarlemmerstraat

Amsterdam Haarlemmerstraat shopping guide StyleAvengerGoesNorth cfpersonalshopping.com

This is the second part of my reportage about shopping in Amsterdam. You can find the first article here.
Today we’ll speak about a shopping area that is very easy to find because it’s near the Central Station and is the zone around Harlemmerstraat – and I’ll especially write about this lovely street.
This is another zone I read a lot about in the articles and posts that I found before leaving, but always in such a general way that I hardly believed that the writers actually visited this part of the city. Well, I was really there, so, also this time.. let’s go!

It’s a very interesting and fascinating shopping district because it only hosts avant-garde fashion boutiques, cozy cafés, specialty and design shops that do not have anything in common with the mainstream brands, and I think this is the coolest feature of the area.
Every single shop has very well-finished interiors with a clear and well defined esthetic, so that the visual merchandising elements reflects the designers’ mood and personality.
The shops’ smart  interiors and make the atmosphere, that is going to be guiding line for the style you will find in the boutique. So it’s kind of a 360 degrees experience – that’s why it’s so fascinating.

As there are mostly independent emerging fashion designers, and the quality is obviously high and up to the latest trends, prices’ range predictably tend to be  more consistent, and the clothings are more expensive than in the Nine Streets, as the aim of the stores is being perceived as in a higher position than that – this can be easily understood, I suppose.
Anyway, keep in mind that you will mostly find casual/daytime clothings, but it is also possible to find trendy restaurants – so you see another reason why this is not a cheap shopping area!

Amsterdam Haarlemmerstraat shopping guide StyleAvengerGoesNorth cfpersonalshopping.com
Look at those palaces…

Beyond the fashion boutiques…

I really don’t know if it’s like this always or only at Saturdays, as I’ve been there on Saturday morning, but, and this was absolute surprise to me as I hadn’t found this information anywhere before leaving, the streets were closed to traffic and temporarily pedestrianized, and there were many several market stands at the borders of the street. As most of them were food stands, if you are on a detox think twice before going, as it’s going to be very hard not to try all those inviting free tastings.
Besides, I finally discovered the place where the expat bloggers take those beautiful food pics that are published on their blogs and socials, without telling you where they come from, of course. So don’t look for this in the so called tourist friendly parts of the city: now you know where to go.

Amsterdam Haarlemmerstraat shopping guide StyleAvengerGoesNorth cfpersonalshopping.com
Wouldn’t you like to go in?

Something you should know before going

One more reason to visit this area: the palaces in Haarlemmerstraat are absolutely gorgeous, so don’t forget to look up and get ready to try taking pictures – it’s going to be a little bit hard, because the spaces aren’t that wide.
When you’re tired of discovering the new fashion trends among the young independent designers you can explore the small streets all around because there are no shops but you’ll find small private gardens, corners that are so unreal you will get the feeling you are in another dimension. Be careful when you take pics because you are still on planet Earth and the bikers are actually passing by.  Furthermore, try to resist to temptation to take pics of the interiors of the houses – it’s hard because some are beside gorgeous.

I feel as I must say it clearly: Haarlemmerstraat tends to be a tourist-free zone, you’re not sitting on the grass of Museumplein with your rented bike and English speaking international friends… This means you might find  something you wouldn’t expect; this also means, you can’t do whatever you want, as you are going to be inside a foreign culture! Besides, working in the tourism business, I perfectly know this is not everyone’s cup of tea. For the ones who say they “want to do what the locals do” (and I am not that kind of person), off you go, but  remember what I said.

As always, I didn’t write about the shops singularly, because it would be trivial and ordinary and because the aim is to illustrate and tell about a zone to give you some useful information. As always, I did not take any pic of the interiors because they do not know I as a blogger and above all because, as you probably already know, I am writing independently and these are not sponsored posts.

What about you? Do you stick to the average tourist areas when visiting a city, or are you the tourist-free area type? I’m the typical “city girl”, I like exploring, but I don’t like weird places! Tell me about your travel  stories!

Amsterdam Haarlemmerstraat shopping guide StyleAvengerGoesNorth cfpersonalshopping.com
Told you to look up!

ITA

Questa è la seconda parte del mio reportage dedicato allo shopping ad Amsterdam. Potete trovare qui il primo.
oggi parleremo di un distretto della moda che è molto facile da trovare perché è vicino alla Stazione Centrale, ed è la zona intorno ad Harlemmerstraat  – e mi soffermerò in particolar modo su questa strada così bella.
Si tratta di un’altra di quelle zone su cui ho letto molto nei post e negli articoli che ho trovato prima di partire, ma ne ho letto in termini così vaghi che non riuscivo neppure a credere che gli autori avessero davvero visitato questa parte della città (purtroppo si sa come funzionano certi meccanismi del blogging… ), ma beh, io ci sono stata davvero e quindi anche questa volta vi ci porterò. Partiamo?

Si tratta di un’area molto interessante e affascinate, perché ospita esclusivamente piccole boutique di moda all’avanguardia, caffè molto curati, negozi di design e di specialità alimentari che non hanno nulla in comune con I brand più mainstream, e penso che questo sia l’aspetto decisamente più cool del quartiere.
Ogni singolo negozio ha interni estremamente curati con un’estetica chiara e ben definite, così che gli aspetti visual riflettono il mood e la personalità dei designer. Proprio gli interni creano l’atmosfera, che ovunque qui diventa una linea guida per lo stile che troverete in boutique, in una sorta di esperienza a 360 gradi  – ecco spiegato il perché del suo fascino.

Dal momento che si tratta in massima parte di fashion designer emergenti , e dal momento che la qualità è ovviamente alta e in linea con le ultime tendenze, il range dei prezzi tende ad essere più alto , e i capi che si trovano nei vari negozi sono decisamente più costosi di quanto non si sia visto nel post dedicato alle Nove Strade, dal momento che l’obiettivo dei punti vendita è di essere il posizionamento n un’area diversa – e questo credo sia facilmente comprensibile.
Comunque è opportuno tenere a mente il fatto che qui troverete per lo più capi casual e da giorno, ma anche che, al tempo stesso, è una zona di ristoranti di tendenza  – da qui un’altra ragione per aspettarsi uno shopping non esattamente a buon mercato!

Oltre le boutique di moda…

Non vi so dire se sia sempre così o solamente di sabato, visto che ho visitato la zona di sabato mattina, ma, e questa per me è stata una sorpresa assoluta, visto che non avevo visto questa informazione da nessuna parte prima di partire, le strade erano chiuse al traffico e temporaneamente pedonalizzate, e c’erano molte bancarelle ai bordi della strada. Dal momento che in massima parte erano di cibo, se siete in fase detox (come ero io), pensateci due volte prima di andare, perché sarò molto difficile non provare gli inevitabili assaggi gratuiti!

Inoltre, va detto che ho finalmente scoperto il posto dove gli expat blogger scattano quelle bellissime foto food che pubblicano sui loro blog e sui social, senza dirvi ovviamente da dove provengono. Quindi, non cercate queste cose nelle zone più turistiche della città: adesso sapete dove andare!

Un plus: i palazzi di Haarlemmerstraat  sono assolutamente splendidi, quindi non dimenticate di guardare in alto e provate a scattare delle belle foto – non sarà un’impresa sempre facilissima, perché gli spazi non sono molto ampi.

Qualcosa che dovreste sapere prima di andare

Quando sarete stanchi di scoprire I nuovi trend della moda,fra i giovani stilisti indipendenti, potete esplorare le stradine adiacenti, perché non ci sono boutique, ma troverete piccoli giardini privati, angoli che sembrano irreali da tanto sono belli, a tal punto che all’inizio vi sembrerà  di essere stati catapultati in un’altra dimensione.
fate attenzione quando scattate foto, perché siete ancora sul pianeta Terra e i pedoni e i ciclisti passeranno di lì come al solito! Inoltre, cercate di resistere alla tentazione di scattare foto agli interni delle case – anche se alcune sono oltre il bello.

Sento di doverlo scrivere chiaramente: questa zona tende a essere senza turisti, e quando sarete qui non sarete seduti sull’erba di Museumplein con i vostri amici internazionali dove tutti parlano inglese,con le bici prese a noleggio buttate sull’erba… questo significa che potreste trovarvi in un ambiente che non vi aspettate; questo significa anche che non potete più fare tutto quello che vi pare, perché vi troverete immersi in una cultura straniera! Inoltre, lavorando nel turismo, so perfettamente che non è una situazione adatta a tutti. Per coloro che sono dell’ostinato parere del voler fare “come i local” (mentre io non sono quel tipo di viaggiatore), andate pure, ma ricordate quello che ho scritto.

Come sempre, non ho scritto di singoli negozi, perchè trovo che sarebbe stato di banale e ordinario, dal momento che l’obiettivo è l’analisi di una zona e dare delle informazioni ai lettori. Come sempre, non ho scattato foto degli interni delle boutique, perché non volevo dichiarare di essere una blogger e soprattutto perché come probabilmente ormai sapete, sto scrivendo  in modo indipendente e non si tratta di post sponsorizzati.

E voi? Vi piace frequentare i quartieri più turistici oppure ogni tanto provate a evadere dai soliti percorsi? Avete mai fatto incontri strani? Perché io ad Haarlemmestraat ho visto un tizio che ballava per strada con un costume da antico romano fatto con un lenzuolo, e io sono la tipica “city girl”, ma di solito non finisco in ambienti così bizzarri! Raccontatemi le vostre esperienze!

12 thoughts on “The Amsterdam Shopping Guide – #2 Haarlemmerstraat

  1. non sono ancora mai andata ad Amsterdam ma spero di andarci presto, mi sono segnata i tuoi consigli!

  2. a me di solito piace fare come i locali…tant’è che a Parigi mi sono goduta i tempi rilassati dei giardini.forse lo farei anche ad Amsterdam 😀 non sapevo cosa fossero gli expatblogger! fortuna che sul tuo blog c’è sempre qualcosa da apprendere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *