Una First Lady da imitare: il cappotto che andò a ruba

529024_10151325752376314_147687720_n

Nel mondo della Politica Internazionale non è fatto solo di crisi diplomatiche e momenti ufficiali con personaggi ingessati. Da sempre c’è sempre qualche First Lady che colpisce e si distingue per personalità e stile. Esempio classico Jacqueline Kennedy, che ancora oggi è considereta indiscussa icona di stile. Su, a quante mogli di capi di Stato è stata intitolata una It Bag? Appunto.

Oggi c’è una First lady apparentemente diversissima, ma che sta facendo parlare di sè, e non poco. Anzi, come avvenne per Jackie sta superando il marito in popolarità.
Il fenomeno Peng Liyuan  nasce con la recente visita ufficiale in Russia. Protagonista, un cappotto: cappotto che, non appena apparso nelle foto ufficiali, è stato ricercatissimo. Sulla piattaforma di shopping on line Taobao ne è apparsa una copia perfetta al costo di 50 euro: è andata esaurita in brevissimo tempo.

L’originale è di Exception de Mixmind, marchio pret-a-porter del Gigante asiatico, e costa tra i 300 e i 400 dollari.

Che altro indossava la First Lady quel giorno? Una pashmina celeste e una borsa nera in stile Tod’s. Semplicissima.

Peng Liyuan è un’ex artista, e come tale ha molta disinvoltura di fronte al’obiettivo. Ha associato la propria figura  per lungo tempo a cause umanitarie, come la battaglia alla povertà. L’immagine generale risulta disinvolta, ma amabile. Sa essere chic, ma non esprime  mai distacco o arroganza.

Però, a parte il cappotto che in questi giorni è stato quasi iconico, un aggettivo che vene subito in mente osservandola è “modestia”. Non appare mai indossare capi particolarmente costosi, e in questo senso segue la  tendenza inaugurata da Kate Middleton e Michelle Obama. Alcuni hanno provato a stimare il costo medio degli abiti che ha indosso nei suoi outfit e non sembrerebbe mai superare i 100 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *