Gianlisa: le borse rock multifunzione

pochette gm turquoise avec ordi

Lo sappiamo tutti: tra Italia e Francia da sempre c’è una certa rivalità. Il motivo non lo ricordiamo neanche più, ma sembra che entrambi questi paesi producano il meglio: nei vini, nel food e soprattutto nella moda.  Ma se io amassi entrambi i paesi?
Adesso puoi. Elise Brasca, creatrice del marchio di borse Gianlisa, cerca il giusto equilibrio tra una donna italiana, curata ed elegante e una donna parigina, più audace e disinvolta.

Elise è nata a Milano ma cresciuta in Francia, e ha lavorato nel settore dei luxury goods. Forte della sua esperienza di product manager presso Maisons come Pierre Hardy, Chanel, Miu Miu, Dior e Lancel, Elise ha scelto senza esitazione il Made in Italy (a Firenze!) per la meticolosa attenzione al prodotto che segue personalmente in ogni sua fase di realizzazione. Ma lo spirito è francese.

Ogni borsa della collezione è multifunzione – borse a spalla che si trasformano in grandi pochette, bag in bag amovibili all’interno di ogni borsa – per venire in contro alle esigenze della donna attiva, che ricerca diverse funzionalità, anche negli accessori, in ogni momento della giornata.

L’idea di Elise è cercare di costruire il modello in modo che chi loindossa lo possa fare vivere a modo suo. Ama l’idea che ci si possa appropriare di un oggetto molto intimo, personale e che esso possa vivere negli anni. La celebre e mitologica “Borsa perfetta”? Forse!

La collezione per la primavera estate 2013 è composta da due linee.
La prima si chiama Rockmantique, una definizione che unisce il rock e il romanticismo. Come anticipato, il romanticismo rock è l’ispirazione d’oltralpe, mentre i materiali artigianali provengono dalla tradizione italiana: ancora una volta i due paesi-antagonisti sono uniti!
Il materiale di base è una nappa  molto soffice, proveniente dal nord Italia. La lavorazione avviene invece in Toscana, in modo appunto artigianale.  La trapuntatura rappresenta il disegno della chitarra Gibson e della stella.

Questa linea è declinata in diversi modelli: una tote, una pochette, che si può anche portare a spalla con una catena, e infine una maxi pochette piatta, disponibile anche in una versione medium. Queste borse possono essere realizzate anche in ecopelle, in una gamma colori technicolor. Da notare che che queste pochettes possono anche fungere da porta laptop e tablet.

La seconda linea si chiama Irving, dal nome di Irving Scott, l’ideatore del chiodo, una delle

giacche preferite della designer. Questa linea, realizzata in una pelle più spessa e

sportiva, richiama i dettagli rock del chiodo con un gioco di catene intrecciate alla pelle e

di trapunte visibili.

One thought on “Gianlisa: le borse rock multifunzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *